Avellino

Capoluogo dell'Irpinia, Avellino è collocata lungo la catena dell'Appennino campano, circondata dai Monti Piacentini e dal massiccio del Partenio. Nel corso del Medioevo la città conobbe l'invasione dei Longobardi, dei Goti e dei Normanni. Successivamente venne incorporata al dominio di Carlo d'Angiò che la cedette al barone di Montfort. Sotto la dominazione della potente famiglia dei Caracciolo, la città conobbe un momento d'oro, con la costruzione di importanti opere architettoniche. Fu dapprima inserita nel Principato di Benevento e successivamente il quello di Salerno; in seguito divenne capoluogo del Principatus Ultra Serras Montorii.

Il Duomo, dedicato alla Madonna Assunta, risale al XII secolo: ha subito negli anni una serie di rimaneggiamenti che gli hanno conferito l'attuale aspetto neoclassico. Degno di nota è il Museo provinciale Irpino, fondato nel 1889, e suddiviso in tre settori: archeologica, moderna e rinascimentale. Simboli della città sono la torre dell'Orologio, in stile barocco che svetta sulle abitazioni del centro storico con i suoi 40 metri di altezza, e la fontana dei Tre Cannoli, nota anche come Fontana di Bellerofonte.

Infine si consiglia una visita al Santuario di Montevergine: Santuario di pellegrinaggio, dove moltissimi fedeli ogni anno si recano per pregare e venerare la sacra immagine della Madonna posta sull'altare.